Focus on Acromegalia: Diagnosi precoce, approccio integrato e percorso diagnostico-terapeutico

Focus on Acromegalia: Diagnosi precoce, approccio integrato e percorso diagnostico-terapeutico

18 Novembre 2021 09:00
18 Novembre 2021 18:00
Roma

Dettagli Evento

Dati evento

18 Novembre 2021 – Roma

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Patrizia Gargiulo

 

Razionale 

L’Acromegalia è una patologia rara che fino a qualche tempo fa poteva essere trattata esclusivamente con l’asportazione dell’adenoma ipofisario. Si tratta di una patologia ancora oggi diagnosticata tardivamente, nonostante la diagnosi precoce rappresenti un fattore chiave per ridurre il rischio che si sviluppino complicanze gravi.

Recenti sviluppi nel trattamento di questa patologia hanno modificato l’algoritmo terapeutico e le linee guida, con una crescente rilevanza della terapia medica con analoghi della somatostatina rispetto al trattamento neurochirurgico. È quindi necessario rivalutare il ruolo della terapia medica (analoghi della somatostatina, pegvisomant) nell’ambito del management multidisciplinare delle figure mediche coinvolte.

Le difficoltà diagnostiche, la complessità gestionale del paziente, che richiede un’integrazione di competenze e i cambiamenti nell’attuale panorama terapeutico rende quindi necessario valutare i differenti approccidiagnostico-terapeuticiintrapresialivellolocaleperdefinire il possibile ruolo di nuove terapie mediche per queste patologie.

In quest’ottica, l’alleanza tra specialista e medico del territorio assume un ruolo di fondamentale importanza per una diagnosi che sia la più precoce possibile e quindi per il miglior trattamento del paziente colpito da queste patologie.

Nel corso dell’evento formativo, relazioni frontali tenute da esperti, la presentazione di casi clinici e gli ampi spazi dedicati alla discussione interattiva, serviranno a rafforzare il legame e la comunicazione tra specialisti e medico del territorio.

Il contributo della psicologia, focalizzato sui disagi psicologici e su interventi di recupero della qualità di vita del paziente, permette di condividere conoscenze, informazioni e linee guida, derivate sia da studi del settore sia dal lavoro di sostegno psicologico individuale e di gruppo con i pazienti affetti da patologie ipofisarie, al fine di migliorare la valutazione in fase di diagnosi e l’adesione ai trattamenti.